Il cammino di Sant’Olav tra fiordi e laghi

di Emanuela

Il cammino di Sant’Olav

Antichi passi

Il Cammino di Sant’Olav è riconosciuto tra gli Itinerari Europei del Consiglio d’Europa, una via dei pellegrini acqua-terra che racconta la Norvegia da un punto di vista più spirituale.

Questo antico tracciato che ricalca le orme del leggendario Re Olav II Haraldsson, parte dalla Cattedrale di Turku in Finlandia, attraversa l’omonimo arcipelago, prosegue per le Isole Åland, la Svezia e arriva in Norvegia, nella Cattedrale di Trondheim. Ma si dirama anche verso Bergen e Oslo fino a sconfinare in Danimarca.

Re Olav II, le cui vicissitudini abbiamo raccontato parlando di Trondelag e della Cattedrale, era un appassionato di spedizioni: sicché già molto giovane ne aveva all’attivo diverse nel Mar Baltico. Fu proprio durante una di queste, in Normandia, che ricevette il Battesimo cristiano. Da quel momento nacque il suo mito ma anche la sua fine prematura, a soli 35 anni.

Tracce sul cammino di Sant’Olav

La sua caduta nella Battaglia di Stiklestad non ha cancellato i suoi impegni: la legge di Sant’Olav, basata sulla democrazia, è diventata la base della Costituzione norvegese. Così come non si è dissipata la grande opera di conversione al Cristianesimo affrontata così coraggiosamente.

La Cattedrale di Nidaros, o Trondheim, è diventata il suo luogo di sepoltura e la meta dei pellegrini scandinavi. Un luogo mistico in cui, si dice, siano accadute strane guarigioni. Il 29 luglio si celebra qui la festa del Patrono di Norvegia, Sant’Olav e, tradizione vuole che prima di entrare si facciano tre giri dell’edificio.

Fiordi sul Cammino di Sant'Olav Foto di Markus Christ da Pixabay

Fiordi sul Cammino di Sant’Olav Foto di Markus Christ da Pixabay

Guidati dalla Natura

Si attraversano paesaggi sconfinati, foreste, laghi, fiordi. La natura è sensoriale, conquista lo spirito, rende il Cammino di Sant’Olav un tutt’uno con la primordialità. I sentieri hanno una buona segnaletica ma i cippi non indicano il chilometraggio giusto: questo perché il cammino ha aggiunto ulteriori tappe nel corso del tempo.

Quando il pellegrinaggio è stato riscoperto come stile di vita, sono stati recuperati tutti i passaggi e gli anfratti in disuso o coperti da boscaglia. È stata data una seconda possibilità al territorio che ha visto emergere un turismo esperenziale e religioso.

La voce cristallina dell’acqua è una costante nel cammino. Una nota piacevole, un viaggio che, oltre al calpestio dei passi su terre di incredibile bellezza, guada il mare, i laghi e i fiumi aggiungendo clamore e originalità.

Cammino di Sant'Olav Foto di Noel Bauza da Pixabay

Cammino di Sant’Olav Foto di Noel Bauza da Pixabay

La meditazione entra a far parte di questo cammino anche se non la si cerca. Il silenzio è prepotente, ti lascia immaginare di essere solo e invece scopri che anche se non lo sei, la presenza di chiunque altro è muta. Forse perché lontani dal caos la vista, i passi, la parola, assumono un significato diverso: c’è aulicità, ci sei tu, in contemplazione del tuo essere.

Passaporto e Saune sul cammino di Sant’Olav

Oltre alla Cattedrale di Nidaros, le altre due mete importanti dal punto di vista religioso sono Sant’Hallvard -a Oslo– di cui è rimasta la pianta, nel parco della memoria che ricorda appunto Sant’Olav; e i resti della Cattedrale di Hamar ospitati sotto una costruzione in vetro che la preserva dal logorio del tempo.

La lentezza di questo viaggio è alla base del Cammino di Sant’Olav. E si perpetua nelle stesse modalità di un tempo. Devi ritirare un passaporto su cui far appore le credenziali e, alla fine, puoi ritirare un certificato, una specie di Compostela nordica, per aggiungere valore al viaggio.

Il passaporto serviva agli antichi viaggiatori per ricevere accoglienza gratuita, oggi è più legato a un fattore simbolico.

Ogni tappa prevede delle saune, dei bagni al mare, cultura che si aggiunge ad altra cultura. Essendo un paese molto freddo, l’acqua calda è terapica. Quindi ovunque spuntano tinozze, piscine, cascate al coperto. Dopo il cammino dello spirito, la Norvegia offre anche quello del corpo.


 

Leggi di ROROS, questa magnifica città di legno, Patrimonio Unesco


Curiosità: Un mondo senza macchine?


Ti consigliamo gli altri Cammini:

SANTIAGO DE COMPOSTELA in Spagna

LA ROTA VICENTINA in Portogallo

IL PERCORSO CULTURALE DI SKARABORG in Svezia

IL CAMMINO DEI PELLEGRINI DI SVEZIA


 

 

 

Ti potrebbe interessare

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy
error: Questo contenuto è protetto!!