Verso Antikythera, l’isola “deserta” tra Creta e il Peloponneso

di Emanuela

Antikythera suggestiona molto chi la visita. Un rimbombo di libertà ti accoglie, ti lascia spaziare, essere quasi il proprietario assoluto di lembi di terra autentici, intatti, bellissimi

Ma dove si trova Antikythera?

Antikythera te la proponiamo in un tour che includa anche il Peloponneso e Creta, già, perché questa piccola isola deserta si trova proprio in mezzo a questi due più importanti mete. Di fianco alla sorella maggiore Kythera.

Potrebbe essere un tour molto impegnativo visto che Antikythera non si raggiunge così facilmente, ma vale davvero la pena di arrivarci.
Dal Porto del Pireo sulla rotta per Kissamos (Creta) parte un traghetto 2 volte a settimana che impiega ben 10 ore. Si ferma a Gythio, nel Peloponneso, e a Kythera.
Altrimenti, se da Atene si prende un volo interno per Kythera, poi dal Porto di Diakofti c’è il traghetto che impiega 2 ore per raggiungere Antikythera.

Una campagna per ripopolare Antikythera

Diciamo Isola Deserta per restituire il senso di pace che si respira, ma ovviamente ci sono alcuni abitanti che la popolano, molto pochi, ma ci sono. E, proprio per fare fronte al continuo spopolamento, di cui l’isola è vittima, sia il Comune che la Chiesa Ortodossa si sono mossi proponendo qualcosa di davvero incredibile.
L’offerta, per un nucleo familiare che decide di trasferirsi a vivere sull’isola per un minimo di 3 anni, prevede in compenso il vitto, l’alloggio e uno “stipendio” di 500 euro per le eventuali spese.
Un progetto che però ancora non è decollato per via delle grosse falle burocratiche, primo tra tutti -al momento della proposta- mancavano oggettivamente le case in cui ospitare le famiglie volontarie.

Falesie e mare turchese dell'Egeo Foto di Máté Markovics da Pixabay

Un tuffo nel blu

Una vacanza lontani da tutto

Ma se vuoi semplicemente viaggiare, qui troverai un mondo remoto, di quelli che probabilmente, se non fosse per la vicinanza ad isole più grandi, sarebbe scomparso per sempre da qualsiasi rotta.
Non aspettarti le spiagge bianche della Grecia, non ci sono. Qui il mare è stupendo, fresco, turchese e pieno di delfini.
E non ci sono monumenti da vedere o musei da visitare. C’è una reminiscenza intatta della vita, nessun clamore che appartenga al mondo di oggi, anzi, l’assenza totale della routine a cui siamo abituati diventa l’elemento dominante.

E allora perché mi porti qui?”

Dipende… Se ti piace ritrovare il contatto con la natura questo è sicuramente il posto ideale. Non c’è una farmacia, un bancomat; c’è però un emporio, per le necessità più strette, un ufficio postale, un ambulatorio e un kafenion, che in estate diventano due.
Gli acquisti sono ridotti al minimo, insomma zero consumismo. Ma ti abituerai, è un’isola che ti chiede solo di dedicargli tempo.

Cosa offre Antikythera

Non ci sono molti turisti. A parte chi ci vive tutto l’anno, in Agosto si aggiungono solo gli originari di Antikythera, che tornano a casa per le vacanze, si reimpossessano degli spazi aperti, riaprono le loro case.
C’è molta ospitalità da queste parti, poco rumore o quasi nulla, leggiadria, nessun appuntamento, assenza totale di traffico. Si fa trekking, si percorrono sentieri immersi nel nulla e si guarda al mare beatamente.
Tra le spiagge puoi raggiungere Xiropotamos che oltre a regalarti i colori dell’Egeo, alle spalle, su un’altura, ti presenta gli scavi di Kastro di Aigila, un’antica roccaforte.
Era una città ampia, il giro dei resti murari si effettua in circa un’ora e mezza.
È ovviamente il luogo ideale per molti uccelli di trovare una casa, per questo l’isola ospita anche un Osservatorio di ornitologia che funziona soltanto l’estate.

Antikythera Foto di Monique Stokman da Pixabay

I relitti che ti portano indietro nel tempo

Il famoso relitto

Una cosa importante è avvenuta ad Antikythera, un fatto che nel 1901 le ha spalancato le porte del mondo. Nei fondali marini un gruppo di sommozzatori riportò alla luce un antico relitto e ciò che il mare aveva conservato tanto gelosamente. Tra questi:

  • La Testa di Filosofo, rappresentante un discobolo
  • L’Efebo in bronzo che solleva un elemento non ritrovato, di cui non si ha connotazione reale anche se molti studiosi sostengono sia Perseo nell’atto di sollevare la testa della Medusa
  • E la famosissima Macchina di Antikythera per la quale bisognerebbe scrivere un capitolo a parte

Una macchina venuta dal futuro

Questa macchina, ovvero un sofisticato calcolatore astronomico, nonostante le prime supposizioni che la collocavano -per via del sistema moderno di funzionamento- in un’epoca recentissima, è databile invece attorno al I secolo a.C.
Un vero tesoro dunque con tanto di enigma. Lo strumento predice le eclissi, le fasi lunari, sa collocare il sole e i pianeti allora conosciuti ed è costruito sul ciclo che si ispira all’astronomo greco Metone che calcolava alcuni dei calendari antichi.
Questo minuscolo oggetto di cui è stato recuperato solo un terzo è diventato il chiodo fisso di molti scienziati e studiosi della materia.

Cosa ha rivelato la Macchina di Antikythera

Sono stati restaurati e analizzati tutti gli 82 frammenti in rame rinvenuti ed è stata formulata una riproduzione del congegno. Per ultimo sono stati decifrati 3.500 caratteri che indicherebbero come lo strumento fosse una specie di “guida filosofica del cielo”: questo ovviamente ci ha consegnato una versione di come veniva interpretata l’astronomia in quel periodo.
Ciò che resta ancora senza risposte è il motivo della sua costruzione. A cosa serviva? L’ipotesi che sembra più condivisa tra gli studiosi è che si trattasse di un vero e proprio modello educativo. Tra l’altro molto potente perché nell’antichità i popoli si lasciavano molto condizionare dai pianeti, quindi poteva essere decisivo nelle questioni politiche.

Un salto ad Atene

I reperti rinvenuti non si trovano sull’isola ma nel Museo Archeologico Nazionale di Atene.
Qualora ti interessasse approfondire la storia legata all’isola il Museo è certamente merita una visita. Puoi tranquillamente aggiungere un minitour della città di Atene al tuo soggiorno ad Antikythera.
Da qui ad Atene cambia totalmente l’atmosfera. Rientri nell’ambiente urbano dopo giorni di silenzi e onde del mare. Ma anche ad Atene puoi trovare il giusto mood. La metropoli è un insieme di quartieri molto diversi tra loro, puoi scegliere quello che più ti piace; e ha diversi hotels che ci piacerebbe farti vedere, sono talmente particolari che valgono anche da soli il soggiorno. Puoi preparare una sorpresa per la persona con cui viaggi: organizziamo una cena speciale in un posto romantico o un evento, una ricorrenza, un momento unico.

Guarda il nostro tour privato di Atene
a piedi

 Abbiamo un rapporto diretto con la struttura che ti proponiamo, per qualsiasi necessità ti garantiamo un servizio di supporto h24 e una flessibilità che non troveresti altrove.

***

QUALCOSA SU ZANTE

**

 

Ti potrebbe interessare

Lascia un Commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy
error: Questo contenuto è protetto!!