Il vino di Porto: storia della nascita

di Emanuela

Il vino di Porto ha cercato per quasi un secolo di raggiungere la dolcezza che infine lo ha distinto dal resto

Chi ha inventato il vino di Porto?

Il vino di Porto pare debba la sua liquorosità alla misteriosa ricetta dei monaci di Lamego, una località nell’Alta Valle del fiume Douro. Tuttavia, la storia vuole che gli inglesi -da sempre- ne rivendichino l’invenzione.

La cosa certa è che non era un vino facile da produrre e non era nemmeno facile da trasportare.

Gli inglesi, per una quisquiglia con la Francia, optarono per i terrazzamenti vinicoli del Portogallo. Ma non si limitarono a prelevarlo e condurlo oltre Manica. Si fecero produttori di questo vino, che piaceva, ma all’inizio risultava più commerciale rispetto al claret di Bordeaux.

La lunga traversata, in effetti, deteriorava la qualità del Porto. Da qui l’idea, forse appresa dai monaci, di tagliare il Porto con l’acquavite.

Questa operazione, pur non sapendo bene da chi venne ingegnata, risultò comunque vincente.

Il vino di Porto

Ricetta segreta ma non troppo

Siamo agli inizi del XVIII secolo, ancora molto lontani dal vino di Porto e da quel suo inconfondibile sapore dolciastro.

Per un periodo fu sperimentata perfino l’aggiunta delle bacche di sambuco, per dare un colore più appropriato al vino, che però poi furono eliminate quando si resero conto che il gusto ne veniva danneggiato.

Agli albori di questo -simil vino- pur senza le bacche, continuava a mantenere una certa asprezza di fondo che non piaceva molto ai consumatori inglesi.

Il vino di Porto e il mare

L’acquavite addolciva il vino, questo lo avevano capito ma ciò che compresero solo più tardi è che dovevano tagliarlo prima della fine della fermentazione. In questo modo i lieviti fermavano il loro corso, il vino ossidava ma non troppo e la struttura ne usciva rinforzata.

Vino di Porto . Oporto

L’appartenenza al mare poi equilibrava il dolce stucchevole degli zuccheri, aggiungendo sapidità e grande respiro.

Ma il gusto dolce non era l’unico elemento da considerare. Il tempo era un altro fattore determinante. Vino e acquavite avevano necessità di tempo per mescolarsi, raggiungere una loro indimenticabile straordinarietà.

Quando divenne “Il Porto”

Quindi i produttori inglesi iniziarono a far invecchiare il vino in botti di rovere prima di regolarlo con l’acquavite. E ecco che la morbidezza e le sfumature delicate cominciarono a emergere. Il retrogusto di frutta secca e di spezie cominciò a invadere il cuore.

E siamo arrivati alla fine del XVIII.

Entrano in commercio le bottiglie allungate con il collo corto, adatte all’invecchiamento del Porto. Fu questo il momento in cui l’etichetta iniziò la sua ascesa mondiale.


Approfitta del TOUR DEL PORTOGALLO AUTENTICO 9 giorni – 8 notti con guida in italiano per visitare questa terra straordinaria

Oppure per te il PORTOGALLO CLASSICO 8 giorni – 7 notti con guida in italiano

Con il TOUR DEL PORTOGALLO passi per PORTO e prosegui per SANTIAGO DE COMPOSTELA 8 giorni -7 notti con guida in italiano


Chicche liquorose:

IL RAKI greco

LO SHERRY spagnolo

Vuoi degustare un METAXA?


Leggi dei terrazzamenti in Grecia: IL SANGUE DI BACCO

C’è un posto in cui i terrazzamenti sono raso terra e si beve ASSYRTICO


 

Ti potrebbe interessare

Lascia un Commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy
error: Questo contenuto è protetto!!